30 Marzo 2015

Per il secondo anno, l’Ateneo risulta tra le migliori 100 università al mondo nel nuovo ranking commissionato dalla Comunità Europea: non una classifica ma una valutazione analitica articolata che consente, in modo semplice, di offrire alle singole università una chiave di lettura dei propri punti di forza e delle criticità. U-Multirank è un organismo indipendente finanziato dall’Unione Europea per svolgere questa attività nel triennio 2013-2016.

Si tratta del più grande ranking al mondo che, anche con l’uso di database internazionali (pubblicazioni, brevetti, …), ha individuato 31 indicatori, a ciascuno dei quali è assegnato un punteggio che va da A (massimo) ad E.  Nel Multirank 2015, solo l’8% degli Atenei esaminati ha ottenuto più di 10 A - “Very Good”; tra questi c’è il Politecnico di Torino, che si inserisce così nella top100 fra più di 1.200 istituti di formazione di 83 Paesi valutati nella classifica, comprese anche le più importanti università americane come il MIT, Harvard e Berkeley. Il Multirank si propone di usare una metodologia multidimensionale e gli aspetti valutati sono cinque: didattica (“teaching and learning”), ricerca (“research”), trasferimento tecnologico (“knowledge transfer”), internazionalizzazione (“international orientation”) e rapporti con il Territorio (“regional engagement).  Nel complesso ottima la performance dell’Ateneo con 14 “Very Good” (uno in più rispetto allo scorso anno), particolarmente significativo il punteggio sul “Knowledge Transfer”, in cui il Politecnico di Torino ha ottenuto 6 A su 8 indicatori . 

© Politecnico di Torino - Credits